Nabla Cosmetics Butterfly Valley Collection | Preview & Swatches

7/11/2015

Torno dopo un lungo periodo di pausa - che forse riprenderà, non so ancor bene se sarà così o meno - per mostrarvi i pezzi della nuova collezione Nabla Cosmetics, la Butterfly Valley, che ho ricevuto dall'azienda: gli ombretti Unrestricted, Lilac Wonder, Pegasus e Moonrise e il rossetto della linea Diva Crime Beverly.


Prima, però, andiamo a vedere cosa ci dice Nabla Cosmetics a riguardo:

Butterfly Valley è una valle incantata, incorniciata tra le montagne. Un luogo idilliaco dove l'acqua scorre limpida e le farfalle danzano al suo ritmo celestiale.
Una passeggiata di evasione attraverso i fiori che ornano il sentiero mentre la brezza di vento anima le foglie ed accarezza i capelli.
Un'alba di luna. Una notte chiara.
E poi il sole sorge piano e la luce che si diffonde soffice sfiora un sorriso, illumina una risata e dà vita ad ogni cosa.
All'ombra luminosa di una nuvola rosa chiudo gli occhi, guardo più in là, oltre ogni confine. Una farfalla si posa sulla schiena, leggera come i miei pensieri. È un nuovo giorno che inizia.
Benvenuti a Butterfly Valley!

Per scoprire tutti i pezzi che compongono questa collezione, vi rimando al link della mia pagina facebook che raccoglie tutte le foto a riguardo: clicca qui per visualizzare l'album [Comunicato Stampa] Nabla Butterfly Valley Summer 2015

Cominciamo con gli ombretti.

Unrestricred (bright) è un duochrome, con base prugna/bordeaux e riflessi oro. Da cialda sembra un semplice marrone dorato, ma in realtà è un ombretto particolarissimo. [Vedere per credere].
Lilac wonder (satin) è un duochrome, un ombretto lilla con riflessi glicine e azzurri, [davvero difficili da catturare].
Pegasus (satin) è un duochrome dalla base lilla e dal riflesso champagne. Un colore davvero molto particolare, simile per concetto a Madreperla, ho confrontato i due sia [in foto] che [in video].
Moonrise (bright) è un grigio antracite con una punta di viola.

Eccovi, di seguito, gli swatches.




Unrestricted è sicuramente, tra i quattro, l'ombretto che maggiormente mi ha sorpresa. L'altro giorno, mentre l'applicavo, ho quasi avuto il dubbio di aver prelevato l'ombretto sbagliato: mentre, infatti, andavo a sfumarlo sulla palpebra fissa, esso ha tirato fuori tutta la sua base prugna/bordeaux [risultando molto violaceo]. Lilac wonder e Pegasus sono due colorazioni molto carine e il secondo, in particolare, funge molto bene da top coat per altri ombretti (un po' come Madreperla, come dicevo sopra), da solo invece trovo renda poco. Moonrise, personalmente, non mi attirava molto da comunicato stampa e non mi ha entusiasmata neppure dal vivo. Non amo i grigi, però ammetto che trovo si integri bene, come tonalità, con le altre presenti nella collezione.

Passiamo ora al rossetto Berverly, andato a integrare la gamma della linea Diva Crime, un rosso lampone di media tonalità con una leggera componente bianca che va a dargli un'interessante nota pastello (che da swatch su pelle non si nota, mentre [su labbra è più evidente]).

Qui sotto l'ho messo a confronto con Alter Ego, sempre di Nabla, e col rossetto Mac Cosmetics Damn Glamourous (limited edition).


Non definirei Beverly un dupe di Damn Glamorous però, anche [su labbra] e dal vivo, i due rossetti si somigliano abbastanza.

In linea di massima, ho trovato carina questa collezione ma non l'ho trovata particolarmente estiva (Clementine e Peach Velvet a parte). Mi è piaciuta, però, l'idea di integrarla anche con due rossetti, e in futuro spero di vedere aggiunta anche qualche tonalità di blush. Per il momento non penso di comprare altro, più che altro perché mi mancano i dindini da spendere, ma in futuro mi piacerebbe entrare in possesso di tutti i pezzi mancanti, in particolare Balkis, Babylon e Clementine.

Vi ricordo che, in occasione dell'uscita della collezione Butterfly Valley, è attiva una promo - sul sito ufficiale www.nablacosmetics.com - che prevede uno sconto del 15% sui pezzi della collezione e un 50% di sconto sulle spese di spedizione >19 euro.


Voi cosa ne pensate? Avete già approfittato della promozione per acquistarne qualcuno?



I prodotti illustrati in questo articolo mi sono stati omaggiati dall'azienda produttrice; l'averli ricevuti a titolo gratuito non influenzerà in alcun modo il mio parere in sede di recensione. La collaborazione in questione non prevede alcun tipo di remunerazione.

You Might Also Like

9 commenti

  1. Io mi sono tuffata con triplo carpiato su Babylon e Moonrise (che devo ammettere dal vivo mi piace ancora di più), insomma sempre colori allegri e solari XD
    Per i rossetti voglio aspettare di vederli dal vivo:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babylon devo troppo prenderlo, Moonrise l'ho rivalutato nel tempo...ora lo adoro *_*

      Elimina
  2. Unrestricted sfumato sembra davvero tutto un altro colore, mi piace la vena prugnosa che ha *_*

    RispondiElimina
  3. A me attirano i rossetti, con gli ombretti nabla ho chiuso! :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so, mi hai raccontato. Davvero un peccato tu ti sia trovata male, credo dipenda molto dalla palpebra :3

      Elimina
  4. Io ho preso gli ombretti...i rossetti no perché ho dovuto contenermi.

    RispondiElimina
  5. Di questi vorrei Lilac Wonder, mentre Moonrise, per quanto mi piaccia la tonalità, visto dal video potrebbe e sottolineo potrebbe ricordare Grand Galaxy di MAC (che ho e adoro) quindi per ora preferisco farne a meno...

    RispondiElimina

Mi fa sempre piacere trovare una traccia del vostro passaggio qui!
Lasciami tranquillamente la tua opinione personale sui prodotti di cui parlo, il confronto è sempre gradito purché nei limiti della buona educazione.

Non cancello i commenti di spam (anche se mi infastidiscono e non poco) ma non pratico il sub4sub. Quando il tempo non mi manca, passo però a dare un'occhiata ai vostri blog.

Iscriviti alla Newsletter

FACEBOOK

Disclaimer

Disclaimer | Media Kit | Cookies e Informativa sulla privacy

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»